www.angelozomegnan.it

Il Giro dei 100 anni

 www.angelozomegnan.it

Gazzetta dello Sport

 www.angelozomegnan.it

Papocchio nel Calcio

 www.angelozomegnan.it

Mondiali Toscana 2013

 www.angelozomegnan.it

Mondiali Veneto 2020

 www.angelozomegnan.it

innovaction11.com

 www.angelozomegnan.it

Spartan Race Italia

 www.angelozomegnan.it

Strade Bianche Eroica

 www.angelozomegnan.it

Milano-Sanremo 100

 www.angelozomegnan.it

il Lombardia 100

 www.angelozomegnan.it

Enciclopedia Ciclismo

 www.angelozomegnan.it

Pedalata Rosa del Giro

 www.angelozomegnan.it

 www.angelozomegnan.it

Froome, Nibali, Contador e le innovazioni della Vuelta

Froome, Nibali, Contador e le innovazioni della Vuelta -  www.angelozomegnan.it

 “Il Giro bocciato sulla carta, viene promosso dalla strada”.

La frase è di Bruno Raschi, inimitabile cantore del ciclismo, che la buona sorte mi ha concesso il privilegio di essergli accanto in tanti Giri e in tante altre corse in Italia e all’estero prima che il “Divino” – così era chiamato Raschi – venisse aggredito dal cancro al pancreas.

Quella frase, generalmente utilizzata per smarcare i Giri d’Italia disegnati da Vincenzo Torriani e aggrediti gratuitamente dalla stampa cosiddetta specializzata, dev’essere di insegnamento a tutti.

Mi sia concesso, ora, di fare una traslazione dall’Italia alla Spagna adattandola alla Vuelta: in vista della méta di Madrid, vengono profusi elogi a chi ha disegnato la competizione iberica quest’anno come nell’ultimo decennio.

Onore ai meriti di Javier Guillen cresciuto come competente di ciclismo sulle tracce di Victor Cordero, che in carriera – prima di dedicarsi da pensionato alla nuova vita di romanziere – ha attraversato la storia del ciclismo incamminandosi di volta in volta sulle strade ostiche dei team manager, degli esperti di politica sportiva, degli organizzatori, eccetera. In altre parole “patron” Cordero per conto della famiglia Franco prima e della famiglia Amaury (leggasi ASO=Tour) poi ha trasmesso a Guillen pragmatismo, capacità di analisi, abilità nella sintesi, passione per il proprio lavoro che – diciamocelo con schiettezza – è più delicato da svolgere in Spagna, che in Francia o Italia.

E così la Vuelta è nata a nuova vita grazie alle intuizioni degli spagnoli e dell’invincibile sistema “industriale” messo in piedi dai francesi, cui gli italiani possono guardare soltanto con invidia. Allestimenti di prima fattura, strutture rinnovate di tanto in tanto, format più adeguati alle esigenze televisive: ecco il salto di qualità nel costruire il palcoscenico. Tutto ciò supportato da scelte tecniche d’avanguardia, difesa delle radici e sguardo costantemente lanciato sul futuro. Se poi si aggiunge la migliorata qualità dei partecipanti… ecco che ne esce una miscela esplosiva. Alias: la Vuelta più spettacolare di cui soltanto la Rai non se ne accorge abile come è a concedere a L’Equipe le immagini in diretta del Giro (audience bassissima in Francia) e a non acquisire i diritti televisivi della Vuelta che fanno capo allo stesso gruppo editoriale transalpino! Con buona pace di Eurosport, che così si conferma vero canale del ciclismo globale e degli spettatori che possono godere di cronache di buon livello epurate dai teatrini autoreferenziali e dal marchettifici indisponenti pieni zeppi di cattivi esempi del ciclismo stantio e comunque superato.

Come in ogni evento di impatto, anche la Vuelta patisce l’instabilità mentale di qualche spettatore e l’esuberanza eccessiva di qualche operatore dello staff. Ma ci fa divertire ogni giorno: dal primo (attraversamento sul red carpet dell’Arena di Nimes) all’ultimo (passerella a Madrid, scusate se è poco, l’indomani del moloch Angliru). Mai un tempo morto. Mai una tappa banale. Mai un tracciato privo di spunti per il ciclismo moderno. Il Tour può permettersi giornate di trasferimento, tanto poi il finale viene infiammato da 45 dei migliori 50 corridori del ranking mondiale. Il Giro no, ad esempio: eppure le propone nonostante abbia a disposizione una conformazione geografica della Penisola che persino Jacques Goddet (il papà del nuovo Tour) invidiava a Torriani.

Indipendentemente da come finirà la Vuelta 2017, già ci sentiamo in obbligo di ringraziare i corridori per come hanno saputo interpretare lo spartito tecnico proposto da Guillen e dal suo staff (non ultimo Fernando Escartin). E quelli sono corridori buoni… da Chris Froome che ha inanellato 4 Tour di fila e si è messo in caccia dell’accoppiata Francia-Spagna a Vincenzo Nibali, che con lo stagionatello (al passo d’addio con grande orgoglio) Alberto Contador è tra i pochi che in carriera abbia messo in bacheca Gio+Tour+Vuelta.

E quanti sono i ragazzi che nella scia dei tre citati sono usciti allo sbaraglio ipotecando il futuro? L’elenco è abbastanza ricco da evitarne l’enunciazione per non correre il rischio di incappare in qualche dimenticanza.

La nuova scuola spagnola merita applausi per la via innovativa intrapresa. E, siccome la necessità aguzza l'ingegno, c'è da attendersi che la Vuelta sarà la prima a lanciare le "series" prima di una corsa accorciata a 17 tappe delle 21 attuali; a inaugurare il concetto del "panchinaro", etc. Buon finale a tutti!

Giro 2018 a Gerusalemme? No, grazie.

L’attualità mette ancor più in discussione l’idea di far man bassa di contributi in Israele portando il Giro d’Italia 2018 a Gerusalemme e in Terra Santa per una cosiddetta “grande partenza”.

Ma de che????

La Partenza della Paura visto che morte si aggiunge quotidianamente a morte. E una nuova Intifada sembra dietro l’angolo. La violenza in Medioriente si sta radicalizzando, aggiungendo la componente religiosa al conflitto atavico di quell’area martoriata.

Quando l’erba è secca, basta una scintilla a scatenare l’incendio.

Già abbiamo sottolineato l’estraneità culturale del territorio nei confronti del ciclismo e dunque del Giro. Ora ci vediamo costretti a rimarcare fatti sostanzialmente inconfutabili come:

-       la recrudescenza della violenza: attentati e attacchi con blitz dell’esercito israeliano in Cisgiordania;

-       la convocazione del premier Benyamin Netanyahu del Gabinetto di difesa del governo israeliano;

-       l’appello di Papa Francesco per il dialogo e la moderazione lanciato durante l'omelia domenicale dal balcone di Piazza San Pietro.

Meditate gente. Meditate.

Spartan Race in Italia storia di chi ce l'ha fatta

Spartan Race è sbarcata in Italia nel 2014: prima uscita a Roma-Foro Italico con 3.000 partecipanti. Poi tappa al Parco Sempione di Milano, compreso il fossato del Castello Sforzesco. Ecco i due momenti in downtown del lancio nella Penisola della corsa a ostacoli #1 al mondo.

Da lì in avanti... innovACTION 11 (titolare delle licenze Spatan Race per l'Italia) è andata di passo spedito, trovando a Orte (Viterbo) e a Cardano al Campo (Milano Malpensa, ma in provincia di Varese) le culle di rinnovate ambizioni che dopo 3 performace ha portato il tetto dei partecipanti nel 2017 rispettivamente a 7.394 partecipazioni a Orte (Sprint + Super) e a 5.200 partecipazioni a Malpensa (soltanto per la Sprint).

Adesso si guarda avanti con slancio con:

- il 23 settembre si celebrerà la novità Misano Adriatico (Rimini) con Sprint e Super per oltre 3.500 iscritti a tre mesi dall'appuntamento;

- il 28-29 ottobre si tornerà a Taranto con Sprint, Super e Beast (già 2.000 iscritti) a 4 mesi dalla data di effettuazione.

La guida completa a Spartan Race Italia è leggibile su www.spartanrace.it  e - per soddisfare le curiosità più remote - consultare anche www.spartan.com

E ora godetevi il video copyright Andrea, che è a 2000 visualizzazioni.

az02@angelozomegnan.it per il filo diretto

az02@angelozomegnan.it per il filo diretto -  www.angelozomegnan.it

C'è una voglia matta di confrontarsi su alcuni temi dello sport e della vita. Siamo a disposizione.

Aspettiamo di conoscere le idee di tutti nella casella di posta elettronica az02@angelozomegnan.it

Sono ovviamente banditi i giudizi distorti e le volgarità perché puntiamo su onestà intellettuale, pulizia e credibilità.

Facebook, Twitter, etc. Dialoghiamo sui Social

Facebook, Twitter, etc. Dialoghiamo sui Social -  www.angelozomegnan.it

 Che straordinarie opportunità ci sono offerte dai Social Network! Ecco le piattafrme preferite per i nostri dialoghi: Facebook, Twitter e LinkedIn.

I punti di contatto:

- Angelo Zomegnan su Facebook

- @angelozomegnan su Twitter

- Angelo Zomegnan su LinkedIn 

  • 20/06/2024
  • Invia a un amico